Home > Eventi e Ricette > Piccola di cavallo

Piccola di cavallo

03/05/2013

la carne di cavallo ha rappresentato nella storia e tuttora rappresenta un tabu’ alimentare. Intere popolazioni al solo sentire che qualcuno ne mangia inorridiscono.

In Francia il consume di questo alimento risale alla fine dell’Ottocento, quando la sua moda fu lanciata da una luculliana cena al Grand Hotel cui parteciparono i maggiori scrittori del tempo: Flobert, Dumas padre ed Edmond De Goncourt. Eppure nell’Atene dell’antichita’ esistevano che vendevano soltanto carne equina, riservata ai meno abbienti.

Gli eserciti antichi che annoveravano reperti di cavalleria furono costretti dale contingenze belliche a mangiare i cavalli, e da allora le citta’ presidiate abitualmente da truppe in armi introdussero nelle loro tradizioni alimentari la carne equina. Questo accadde anche per Piacenza, dove le caserme e le macellerie equine abondavano. Qui nasce la piccola di cavallo, un connubbio ben riuscito tra la peperonata , chiamata rustisana, e la carne equine tritata.

 

 

Stampa la Pagina Salva la Pagina in PDF